Dutasteride per la cura dell’Alopecia: vantaggi e rischi?

Dutasteride il farmaco anti DHT che allarga la famiglia degli inibitori della 5-alfa reduttasi, principale causa dell’alopecia androgenetica.

Dutasteride, il farmaco che fa concorrenza alla Finasteride?

Se la fine degli anni ’90 del secolo scorso fu il momento della comparsa sulla scena farmacologica mondiale della Finasteride (prodotta dalla casa farmaceutica americana Merck), l’inizio del millennio si apre con l’approvazione da parte della FDA di un nuovo farmaco appartenente alla stessa famiglia di molecole, ma con uno spettro di azione migliorato e sempre con l’obiettivo di contrastare l’iperplasia benigna della prostata. Debutta in società la Dutasteride, messa a punto dalla GlaxoSmithKline.

A differenza della Finasteride, la Dutasteride è in grado di inibire la 5-alfa reduttasi in tutte e due le sue forme, la I e la II. Questa caratteristica rende la molecola molto efficace nell’abbattimento dei tenori di Diidrotestosterone (DHT) nel sangue. Ricordiamo che è proprio l’azione di questo derivato ridotto del testosterone sui follicoli, che siano particolarmente sensibili, a provocarne la miniaturizzazione e quindi a scatenare il fenomeno della calvizie.

Il calo di DHT, all’inizio della terapia del 90%, per poi assestarsi perfino su valori superiori, si associa ad un moderato aumento del livello di testosterone nel sangue del paziente sottoposto a terapia di Dutasteride (fino ad un quinto in più rispetto ai normali valori). Ciò comunque pare non comporti alcun tipo di conseguenza e, anzi, l’evidenza più gradita è quasi immediata: dopo le prime settimane di cura, il volume prostatico risulterà decisamente diminuito ed esso continuerà a ridimensionarsi costantemente per un lasso di tempo attorno ai due anni dall’inizio della terapia.

Dutasteride ed alopecia: quali aspettative, quali effetti indesiderati?

In analogia a quanto successo con la Finasteride, l’abbattimento dei tenori ematici di DHT giustificherebbe, almeno in via teorica, una grande aspettativa di successo di questa molecola contro la calvizie. Nella realtà dei fatti ancora oggi, dopo oltre quindici anni dalla avvenuta autorizzazione della FDA come farmaco efficace per il trattamento dell’iperplasia prostatica benigna, la casa produttrice non ha chiesto eguale autorizzazione per la cura della calvizie. Siamo in una situazione nebulosa e comunque di poca chiarezza.

Dopo sette anni di tentativi e sperimentazioni, alcune delle quali non portate a termine, si dovette attendere il 2009 per ottenere dei risultati sperimentali validi e che attestarono l’effettiva efficacia del farmaco contro l’alopecia androgenetica. Però nulla si conosce ancor oggi circa il dosaggio esatto, detto che in molti paesi la formulazione più comune è quella che prevede il principio attivo in capsule da 0,5 mg. Inoltre pare che il quadro degli effetti secondari sia alquanto sconfortante, in special modo per la fertilità maschile.

Dutasteride e gli effetti collaterali sulla fertilità maschile.

È stato condotto uno studio su un nutrito gruppo di volontari in piena salute ed in età fertile, per meglio comprendere eventuali rischi legati alla sfera riproduttiva. Il Protocollo prevedeva l’assunzione, per un periodo di un anno, di 0,5 mg/die di Dutasteride, pari ad una capsula al giorno. Una frazione di circa il 20% del campione sottoposto ad indagine ha mostrato, durante il  controllo dopo sei mesi dalla fine del trattamento, problemi della qualità del seme: decremento della conta spermatica totale, del volume del seme e della motilità spermatica totale.

Sebbene evidenze simili siano in parte sovrapponibili con le normali variazioni statistiche rispetto ai valori basali medi, bisogna segnalare che ci sono state evidenze, anche se isolate, di una riduzione della conta spermatica media di circa il 90% rispetto al valore basale. Ciò porta alla conclusione che, nonostante la statistica punti verso un quadro di medio impatto riguardo gli effetti collaterali sulla fertilità maschile, non è escluso che qualche individuo, particolarmente sensibile, possa manifestare problemi ben più seri.

Dutasteride e gli effetti collaterali sulla tiroide.

Lo studio sugli eventuali effetti indesiderati della Dutasteride ha riguardato anche possibili effetti sulla tiroide. Infatti alcuni casi di aumento del TSH avevano fatto supporre l’esistenza di un problema a carico della tiroide tutto da identificare. Dopo un periodo di studio di un anno, l’evidenza sperimentale ha scongiurato possibili squilibri tiroidei indotti dal farmaco. Il leggero aumento del TSH registrato non si è dimostrato significativo, ma soprattutto non era legato a scompensi dei livelli ematici di tiroxina.

Dutasteride come irritante delle mucose.

Le capsule di Dutasteride sono molli di gelatina. Esse contengono il principio attivo in forma liquida e devono essere deglutite intere. La rottura della capsula di gelatina con conseguente contatto diretto tra la mucosa orofaringea ed il principio attivo, può portare a fastidiose irritazioni della stessa.

Dutasteride e alternative. I rimedi naturali: l’alternativa valida e senza effetti collaterali – la Medicina Rigenerativa.

Un quadro controverso come quello sopra riportato, in cui ci sono innumerevoli zone d’ombra ed ancora non ben caratterizzate deve far riconsiderare la validità dei rimedi su base naturale per il contrasto all’alopecia androgenetica. HairClinic è da molti anni paladino di queste metodiche. Esse sono prive di effetti collaterali e hanno il pregio di poter essere utilizzati in maniera continuativa, come protettori dello stato di salute dei capelli ed in generale del cuoio capelluto.

La Medicina Rigenerativa incarna a pieno titolo questo profilo terapeutico ed applicata con sufficiente tempestività, in modo da intercettare il problema di capelli ad uno stadio ancora trattabile, è l’unico rimedio naturale che possa dare risultati validi e di lunga durata.

HairClinic ha già regalato il sorriso ed una nuova chioma a uomini e donne ormai demoralizzate per gli insuccessi passati, proprio grazie al Protocollo bSBS è basato interamente sulla Medicina Rigenerativa avanzata.

Il consulto gratuito è il primo passo per poter battere la calvizie e dal suo riscontro saremo in grado di caratterizzare senza perplessità le strategie più adatte per ottenere risultati tangibili e non promesse miracolose.

Il Protocollo bSBS di Rigenerazione Cellulare è privo di controindicazioni ed effetti collaterali.

Dutasteride su Wikipedia:
https://it.wikipedia.org/wiki/Dutasteride

Dutasteride su Nature.com:
http://www.nature.com/nrurol/journal/v8/n1/full/nrurol.2010.221.html

Dutasteride su informazioni farmaci:
http://www.informazionisuifarmaci.it/dutasteride



I campi con l'asterisco * sono obbligatori

Il tuo IP: 34.204.189.171

Compila il form e convalida la recensione cliccando sul link che riceverai via email.

HairClinic.it ospita i pareri di utenti, i quali si prendono la responsabilità in toto di quanto scritto. Insieme ai dati forniti sopra viene registrato ma non trattato, a meno di richiesta legale, il tuo indirizzo IP e il tuo ID univoco del dispositivo utilizzato.

Ogni persona è responsabile di ciò che scrive in base alla legge sulla Diffamazione On Line può essere soggetto a denuncia formale penale e pecuniaria. Per tale ragione ogni commento è analizzato dal nostro Studio Legale Internazionale.