Uno studio recente fa luce su alcune qualità dell’acido valproico, molecola già conosciuta in medicina e usata in altri campi non legati all’estetica o alla dermatologia. In un primo momento il farmaco si pensava potesse indurre una corposa perdita di capelli se preso per via orale, mentre oggi si scopre che il suo locale porti vantaggi nella cura della alopecia androgenetica.

Acido valproico cura alopecia androgenetica. Lo studio.

Lo studio è stato pubblicato pubblicato nel 2014, in causa sono stati presi 40 uomini con alopecia androgenetica ai quali è stato somministrato localmetre sodio valproato all’8%, di contro vi era anche un placebo spray, il tutto per circa 24 mesi, al termine dei quali è stata effettuata la conta effettiva dei capelli. Il dato significativo è che nei pazienti trattati con l’acido valproico aveva una capigliatura nettamente maggiore rispetto al gruppo trattato senza, ciò dimostra che taleprincipio attivo può essere essenziale per lo sviluppo e crescita del follicolo pilifero del cuoio capelluto, e potrebbe lavorare come oppositore agli androgeni che causano l’alopecia androgenetica.