Cos’è la rigenerazione follicolare?

Rigenerazione cellulare, tessutale e follicolare sono processi naturali che ognuno di noi produce in modo autologo, in alcuni casi questi processi rallentano o si fermano creando problematiche estetiche e cliniche.

La rigenerazione è un processo naturale.

La normale funzione fisiologica dei capelli è la caduta e la ricrescita, il problema nasce quando il follicolo non ha più la forza e i nutrimenti necessari per far ricrescere il capello.

Questa situazione non determina la morte definitiva del follicolo, ma nella maggior parti dei casi il bulbo continua la produzione del capello, solo più sottile e meno colorato, generando l’effetto visivo del diradamento. Nel tempo i nuovi capelli risulteranno sempre più deboli e il progressivo deterioramento dei follicoli impedirà la ricrescita.

Da sempre l’obiettivo principale dei maggiori esponenti del settore (biologi, ricercatori, scienziati) è cercare di rigenerare i follicoli danneggiati stimolando la loro ricrescita naturale. Grazie a sofisticati strumenti diagnostici e terapeutici, oggi è possibile individuare ed intervenire direttamente alla radice del tuo problema.

Per saperne di più sulla Rigenerazione Cellulare

 

La ricrescita dei capelli è realmente possibile?

Per quanto possa sembrare strano, la ricrescita dei capelli è possibile fino a quando il follicolo che li produce è ancora attivo (non atrofizzato).

Spesso il diradamento dei capelli non consiste nella morte totale del follicolo, nella maggior parti dei casi la ghiandola continua a produrre il capello, solo che è più sottile e meno colorato, generando quindi l’impressione del diradamento. Più soventemente, anche se i nuovi capelli prodotti non hanno più la forza di crescere, il bulbo danneggiato rimane attivo sottocute ancora per molti anni. Senza una diagnosi genomica e una terapia rigenerativa mirata, il follicolo con il tempo si atrofizza e muore.        

Su pazienti modello che rispondono positivamente alla Medicina Rigenerativa è possibile assistere, sui follicoli ricettivi alla stimolazione o sottocutanei non atrofizzati, due tipi di ricrescita. Ricrescita precoce e ricrescita tardiva.

Dopo pochi mesi dalla terapia la “ricrescita precoce”” origina dai follicoli in fase di miniaturizzazione, prima del capello vellus. Questo rinfoltimento naturale si concretizza quando il cuoio capelluto ritrova il suo equilibrio grazie ad un maggiore apporto di sangue e di nutrienti.

Successivamente grazie alla migliore situazione vascolare e alla terapia di follow-up Nutraceutica, Nutrigenomica e topica abbinata al Protoocllo di Medicina Rigenerativa, si verifica una “ricrescita tardiva” più concreta con capelli rigenerati, più forti e di diametro maggiore. La ricrescita e rigenerazione ottenibile non è numericamente quantificabile e nessuna diagnosi la può precedentemente stabilire.   

Per saperne di più sui benefici della Medicina Rigenerativa

 

Come si promuovere una azione rigenerativa sui follicoli piliferi?

Mediante una diagnosi avanzata, abbinata ad un Protocollo completo di Medicina Rigenerativa, in molti casi è possibile favorire le corrette condizioni benefiche indispensabili per ristabilire la funzionalità vitale del follicolo.

Trattiamo la tua calvizie in modo serio e non superficiale. Il giorno ella seduta non chirurgica di Medicina Rigenerativa volta all’innesto di URC, Unità Rigenerative Cellulari prese dal tuo sangue. Eseguiamo un pool di analisi selettive e avanzate, esame ormonale, test della Membrana Cellulare e il test Genetico del DNA.

L’esito delle analisi permette nella fase post stimolazione con le proprie Cellule Staminali di impostare una terapia Nutraceutica mirata al singolo caso. Il Protocollo medico bSBS non limita la sua azione alla rivascolarizzazione dei tessuti sottocutanei, ma stimola attivamente le Cellule Staminali delle cute e della papilla dermica del follicolo.

Per saperne di più sulla Medicina Rigenerativa

 

L’autotrapianto fa ricrescere i capelli?

A questa domanda dobbiamo dare una risposta chiara e precisa: No! L’autotrapianto non è una cura, non guarisce i follicoli danneggiati, non regolarizza le funzionalità ormonali del corpo, non risolve il problema alla radice.

L’autotrapianto è un’ottima soluzione da adottare solo dopo aver affrontato il problema alla radice, individuate la cause della tua eccessiva perdita di capelli e ristabilito i valori ottimali per il buon funzionamento del follicolo, dei tuoi ormoni e del tuo stile di vita.

Una tecnica non esclude l’altra, il più delle volte circa il 90% dei casi è proprio l’associazione delle due metodiche ad essere la soluzione alla problematica della calvizie.

Attento! Se hai giàeseguito un autotrapianto o stai pensando di farlo, in prima istanza blocca l’evoluzione della tua calvizie e promuovi la massima rigenerazione dei tuoi follicoli e solo dopo valuta la reale necessità di un intervento chirurgico.

Scopri perché l’autotrapianto non basta