Forse non sai!

Il diradamento non sempre indica la morte del bulbo.

La rigenerazione del follicolo non è un miracolo.

Un follicolo è completamente morto solo dopo molto tempo dall’inizio della calvizie.

Un ciclo che si ripete.

Ogni capello cresce in modo completamente indipendente dagli altri capelli e ha un proprio ciclo di vita diviso in 3 fasi: anagen, catagen, telogen. Il periodo di crescita è chiamato “fase anagen” e ha una durata da 1 a 4 anni. In seguito ha inizio la “fase catagen” che dura tra le 2 e le 3 settimane, in questo stadio transitorio il capello smette di crescere. L’ultima fase è quella di riposto ed è chiamata “fase telogen”, dove il capello non cresce ma può rimanere ancora attaccato al follicolo per 3 mesi al termine dei quali cadrà, permettendo la nascita di un nuovo capello che ricomincerà dalla fase anagen.

Il diradamento non sempre è la morte del follicolo.

Tutti i giorni perdiamo naturalmente tra i 60 e i 100 capelli che vengono rimpiazzati da altrettanti nuovi capelli. La normale funzione fisiologica dei capelli è dunque la caduta e la ricrescita, il problema nasce quando il follicolo non ha più la forza e i nutrimenti necessari per far ricrescere il capello. Questa situazione non determina la morte definitiva del follicolo, ma nella maggior parti dei casi il bulbo continua la produzione del capello, solo più sottile e meno pigmentato (colorato). L’effetto visivo generato è quello del diradamento. Nel tempo i nuovi capelli risulteranno sempre più deboli e il progressivo deterioramento dei follicoli impedirà la ricrescita del capello.

La rigenerazione del follicolo non è un miracolo.

Da sempre l’obiettivo principale dei maggiori esponenti del settore (biologi, ricercatori, scienziati) è cercare di rigenerare i follicoli danneggiati stimolando la loro ricrescita naturale. Molti studi scientifici confermano che intervenendo alla base delle cause che generano l’atrofia precoce del follicolo e il il suo lento o veloce declino, è possibile promuovere l’inversione dell’invecchiamento cellulare e le condizioni di salute per favorire la vita naturale dei capelli. In molti casi questa situazione favorisce efficacemente l’inversione del processo di miniaturizzazione, riportando il follicolo a produrre un capello sano, spesso e grazie ad un volume naturale il fusto si ripresenta con un colore sempre più intenso ad ogni ciclo di vita.

 

I capelli possono davvero ricrescere?

Con il giusto approccio terapeutico in molti casi è possibile promuovere la rigenerazione e ricrescita dei capelli fino a quando il follicolo che li produce è ancora attivo (non atrofizzato).

L’azione curativa della Medicina Rigenerativa è attuabile sui follicoli non atrofici e ricettivi alla stimolazione, chi è affetto da diradamento il più delle volte non ha meno capelli di quando ha cominciato a perderli! Semplicemente i capelli nascono sottili, meno colorati e quasi invisibili, crescono più lentamente così da dare l’impressione di essersi ridotti in densità e numero.

Come stabilire se un follicolo non è atrofizzato?

Un follicolo non è completamente atrofizzato fintanto che continua a generare un capello, sia esso sano o quasi completamente invisibile. Un esempio è il capello “vellus “, un capello molto piccolo e quasi trasparente lungo pochi centimetri o millimetri simile al capello del neonato. In molti casi il follicolo anche se non ha più la forza nemmeno di produrre un vellus, può rimanere attivo ancora per anni. Questo follicolo non atrofico se ricettivo alla stimolazione può generare un capello sano spesso e pigmentato.

Giusto approccio, giuste aspettative.

E’ necessario prestare attenzione a chi regala false aspettative dopo un semplice check-up, o esame del capello, per poi proporre le famose “pozioni magiche” per la ricrescita dei capelli, attenzione a chi è in grado di assicuravi con assoluta certezza il risultato che voi desiderate. La portata della rigenerazione follicolare e la ricrescita non è pre-quantificabile in numeri, nessuna diagnosi la può stabilire ed è differente da paziente a paziente, diffidate di chi sostiene il contrario.

Entrare nel futuro è questione di scelte.

Oggi non si può più pensare che tutti i gradi di calvizie possano essere trattati solamente con farmaci come Minoxidil e Finasteride. Pur essendo principi attivi interessanti come supporto, non possono essere classificati come la cura completa di una patologia molto complessa. L’alopecia, anche se non è una vera e propria malattia, vede interagire per ogni singolo paziente molte cause e concause che ne alimentano l’evoluzione, è necessario dunque agire a 360° e non superficialmente al fine di ottenere i massimi risultati possibili. Viviamo in un momento storico dove ricerca e tecnologia hanno permesso lo sviluppo di Protocolli medici avanzati, consentendo di trattare la calvizie in modo completo, mirato e con una potenzialità terapeutica impensabile fino a pochi anni fa.

 

Come agire e cosa fare.

Per raggiunge il tuo obiettivo è necessario percorrere la strada più completa.

Tralasciando i vari trattamenti non curativi, come protesi (parrucchino), fibre sintetiche come il Toppik, o capelli artificiali come Nido, le tre principali possibilità terapeutiche per chi soffre di calvizie sono: cosmetica, chirurgia e Medicina Rigenerativa avanzata.

La cosmetica, gli shampoo, le fiale o i massaggi non sono una cura, non possono lavorare attivamente sulla rigenerazione del follicolo e non hanno alcun valore medico, probabilmente migliorano un capello secco e sfibrato ma non possono agire sulla calvizie in modo determinate. In HairClinic non ci sono estetisti  venditori, ma medici professionisti che seguono attivamente oltre 27 pazienti al giorno, non eseguiamo cosmetica ma Medicina Rigenerativa avanzata e micro chirurgia evoluta.

La chirurgia non è una cura e non arresterà l’evoluzione della tua calvizie, di fatto l’autotrapianto di capelli copre un problema ma non tenta nemmeno di risolverlo, statisticamente la maggior parte dei pazienti sottoposti a solo autotrapianto ha dovuto ripeterlo più volte nel corso degli anni seguenti con risultati estetici quasi mai veramente naturali. La chirurgia è la soluzione ideale solo dopo aver curato alla radice e al massimo delle possibilità il problema personale di calvizie. Anche in un caso di calvizie avanzata è necessario creare le condizioni di salute pre-chirurgia al fine di rendere l’intervento il più duraturo possibile e di alto valore estetico. In HairClinic ogni paziente è trattato con Medicina Rigenerativa avanzata e mai con chirurgia fine a se stessa (Advanced Micro Surgery include il Protocollo bSBS).

La Medicina Rigenerativa è la cura più avanzata e selettiva, in molti casi sui follicoli non atrofizzati e ricettivi alla stimolazione, consente di intervenire sull’evoluzione della calvizie arginando il suo sviluppo, in tempi rapidi promuove l’inversione del processo di miniaturizzazione del follicolo stimolandolo progressivamente a produrre un capello sempre più robusto e sano. La diagnosi eseguita sul paziente è la più avanzata disponibile, si basa su una scienza e non sulla sola esperienza del medico, grazie all’analisi genomica, ormonale e della membrare cellulare viene formulata una terapia di follow-up mirata che permette concretamente di interagire con le cause e concause che alimentano la patologia nel paziente.

Punta ad un risultato completo.

I benefici evidenziati sono per tutti un monito da seguire e fanno luce sull’importanza della Medicina Rigenerativa prima di qualunque altro approccio chirurgico e sulle differenze tra tutti i trattamenti cosmetici attualmente in uso. E’ certamente il concetto più avanzato e moderno nella cura della calvizie, la base indispensabile per promuovere un risultato completo dalle più alte possibilità di successo complessivo. In HairClinic come in molti altri centri internazionali la Medicina Rigenerativa è il presente e il futuro, non viene considerata un optional in nessun grado di calvizie trattabile.

Approfondisci le 5 fasi del Protocollo bSBS

 

Le fasi del Protocollo

Comprendere le differenze tra il Protocollo di Medicina Rigenerativa avanzato bSBS rispetto ad altre metodiche ti permetterà di avere una visione più completa di cosa offre e come si svolge.

Per saperne di più

Oltre l’autotrapianto

L’autotrapianto fino a pochi anni fa era considerato, in modo del tutto errato, la cura della calvizie. La chirurgia non è una cura e va eventualmente eseguita solo su una vera base di salute.

Per saperne di più

Garanzia scritta

Il Protocollo di Medicina Rigenerativa bSBS è l’unico ad essere coperto da garanzia scritta “soddisfatti o riaccreditati”. L’assicurazione permette di agire intelligentemente e in modo completo.

Per saperne di più