trapianto capelli
SOLUZIONI_bSBS_autotrapiantoNonBasta_FOTO_1

Trapianto capelli

è davvero la soluzione della calvizie?

I fatti insegnano che il trapianto di capelli funziona in minima parte e dunque non è sufficiente per risolvere in modo completo la calvizie!

Premesso che la calvizie è una malattia del follicolo ed è alimentata da una serie di concause personali che determinano la perdita dei capelli, è ormai indiscusso che un intervento di trapianto di capelli fine a se stesso non potrà mai essere una soluzione definitiva e completa della calvizie. Se per la maggior parte dei capelli trapiantati la vita continuerà, nulla potrà impedire il continuo sviluppo della propria calvizie e della perdita dei capelli.

Incontrare pazienti che si sono sottoposti fino a 5 interventi di trapianto capelli negli ultimi 8/10 anni, è ormai una routine! I risultati di molteplici trapianti di capelli non sono mai naturali ed inoltre impoveriscono la zona donatrice.

La situazione descritta sopra si riscontra nell'oltre 80% dei pazienti che hanno eseguito un trapianto di capelli non supportato da Medicina Rigenerativa e non ha risolto al massimo delle possibilità il reale problema personale di calvizie.

Trapianto capelli, perchè non basta?


La perdita dei capelli sia nell'uomo che nella donna, è causata da varie patologie connesse tra loro, tra cui l'alopecia, la più diffusa è l'alopecia androgenetica.

I principali colpevoli della calvizie il Testosterone e la Prostaglandina PGD2. Nel primo caso si tratta di un ormone androgeno che si trasforma in DHT tramite un enzima (5 alfa reduttasi), il DHT è tra principali nemici dei follicoli piliferi, produce un'eccessiva quantità di sebo che soffoca il bulbo impedendo la crescita dei capelli e nel tempo ne causa la sua l'atrofia. Nel secondo caso parliamo della Prostaglandina D2, è notizia recente la scoperta di questa proteina ritenuta dai massimi esperti del settore la causa reale delle calvizie, provoca assottigliamento veloce di follicoli e nel tempo l'atrofia del bulbo pilifero. La sua azione deleteria potrebbe riscontrare anche sui follicoli trapiantati.

Ma la causa personale della caduta dei capelli è sicuramente un insieme di concause connesse tra loro , stress, pessimo stile di vita, malnutrizione e altre problematiche individuali, insieme rendono i capelli più deboli, opachi, sottili e, di conseguenza, più facilmente vittime della calvizie.

Un rischio a seguito del trapianto di capelli è quello dell'effetto"shock loss". Interessa principalmente i capelli nativi, ovvero quelli accanto ai capelli trapiantati, ed è causato dal trauma degli innesti e dei prelievi.

Causa la miniaturizzazione e caduta dei capelli nativi. Anche una calvizie che sembra stabilizzata può manifestare velocemente la ripresa della sua evoluzione.

Si intuisce facilmente che la calvizie è una malattia , di conseguenza la sola chirurgia, anche con la tecnica più evoluta di trapianto capelli e il chirurgo più esperto, non potrà bloccarne la sua l'evoluzione.

SOLUZIONI_bSBS_autotrapiantoNonBasta_FOTO_2
SOLUZIONI_bSBS_autotrapiantoNonBasta_FOTO_1

Se il trapianto di capelli non basta come agire per ottenere il massimo risultato definitivo?


Prima di un intervento chirurgico di trapianto capelli (che sia il primo o il quinto), è importate e ormai appurato essere indispensabile promuovere la massima rigenerazione dei follicoli non atrofizzati, bloccare l'evoluzione della calvizie arginando il suo sviluppo.

Solo dopo aver creato le basi sane attraverso la Medicina Rigenerativa evoluta (non cosmetica), si può con serenità e sicurezza valutare la reale possibilità di un eventuale sessione di micro chirurgica.

Un trapianto capelli che poggia su basi di salute è di alto valore estetico e medico, con queste regole si ottiene la soluzione più evoluta della calvizie, l'unica che può garantire un risultato di qualità superiore e duraturo nel tempo.

Le Cellule Staminali associate sono l'alternativa al trapianto di capelli e la chiave di volta nella soluzione più completa della calvizie!


Negli ultimi anni anche l'autotrapianto dei capelli ha sperimentato con successo l'abbinamento con protocolli rigenerativi, assicurando al paziente un risultato completo e un intervento chirurgico che poggia su una base di salute. bSBS è il Protocollo medico non chirurgico più avanzato del settore , associa la stimolazione della matrice extracellulare e delle cellule staminali presenti nella papilla dermica del follicolo, è abbinato ad una diagnosi genomica tramite un test del DNA, Lipidomica ed ormonale avanzata.

bSBS utilizza hCRP l'unico sistema di separazione cellulare che consente una separazione ottica automatizzata e selettiva, non limitata alla classica centrifugazione del plasma come avviene per tutti gli altri metodi in commercio, oltre ai Fattori di Crescita attivi, le Citochine e Chemochine, consente un altissima concentrazione di cellule staminali CD34+, determinanti nella crescita e sviluppo dei capelli. Il salto di qualità è stato dalla selezione ottica che isola le cellule senza danneggiarle come può avvenire con la sola centrifugazione classica. Così trattate le cellule rigenerative non si danneggiano e conservano la lora qualità e potenza rigenerativa. La concentrazione finale delle cellule rigenerative è fino a x19, paragonabile a molteplici microprovette PRP HT o protocolli similari.

Una differenza terapeutica sostanziale rispetto al PRP HT, o Protocolli similari (Harvest, Regene, Tubex, etc.) è data dalla tecnologia Fluos|FGF in esclusiva per HairClinic. Fluos | FGF consente di attivare gli essenziali fibroblasti Fgf, tra cui gli Fgf9. Promuove un effetto rigenerativo nel lungo periodo meglio noto come "Effetto Retard". Le sole piastrine infatti non sono sufficienti per prolungare un beneficio a lungo termine.

bSBS è l'unica terapia del settore ad essere coperta da garanzia assicurativa interna, "Soddisfatti o Riaccreditati" sul un micro trapianto atFUE. Una formula unica che consente di valutare la reale necessità del paziente di un autotrapianto solo in seconda analisi e in totale sicurezza medica ed economica.

SOLUZIONI_bSBS_autotrapiantoNonBasta_FOTO_2
Chiariamo alcuni punti. Risposte alle domande più frequenti.
  • L'autotrapianto fa ricrescere i capelli? Blocca la calvizie?

    A questa domanda dobbiamo dare una risposta chiara e precisa. No! L'autotrapianto non è una cura, non guarisce i follicoli danneggiati, non regolarizza le funzionalità ormonali del corpo, non risolve il problema alla radice!

     
  • I capelli trapiantati non cadono più?

    Oltre l'80% dei follicoli trapiantati ricresceranno e non cadranno più (con atFUE oltre il 90%), ma l'autotrapianto non impedirà comunque l'avanzare delle tua calvizie. Non a caso, dopo 2/3 anni, chi ha eseguito un autotrapianto sente nuovamente la necessità di un ulteriore sessione chirurgica.

     
  • I fattori di crescita piastrinici sono quelli del prp? Quante volte si deve eseguire bSBS?

    Per il PRP o terapie similali sono necessarie diverse sedute (almeno 6 in un anno - 460,00 Euro a seduta) sempre limitate ai soli Fattori di Crescita piastrinici, mentre la concentrazione maggiore della terapia bSBS si svolge in un unica seduta mesoterapeutica coadiuvata da un protocollo medico completo.

    A differenza del PRP HT o similari, l'estrazione e la separazione avviene con una metodica a "circuito chiuso automatizzato", il gel piastrinico non entra a contatto con l'aria e non subisce alcuna manipolazione, situazione che determina una sicurezza estrema rispetto al PRP HT.

    Per l'isolamento delle cellule autogene ad alta capacità rigenerativa (Fattori di Crescita, Citochine, Chemochine, Cellule Staminali CD34+) bSBS utilizza hCRP (no Angel Device), l'unico sistema brevettato di separazione cellulare "selettiva" che va oltre la classica centrifugazione del plasma come avviene per tutti gli altri sistemi comunemente usati in terapie similari al PRP. Si avvale di un lettore ottico automatizzato capace di individuare ed isolare delicatamente un alta concentrazione finale di cellule rigenerative, che, così trattate, non perdono la loro capacità rigenerativa e non subiscono danni dovuti alla classica centrifugazione. La concentrazione finale oltre ad essere fino a x19 volte più alta.

    bSBS include Fluos | FGF per attivare i fibroblasti. La tecnologica in esclusiva per HairClinic Italia consente di attivare i fibrobasti che producono gli Fgf tra cui gli Fgf9, i Fattori di Crescita prodotti dai fibrobasti sono le cellule essenziali alla rigenerazione nel lungo periodo, meglio conosciuta come "effetto retard" a lento assorbimento e non limitato alle sole piastrine il cui il cui effetto benefico non va oltre i pochi giorni post terapia. Differenza sostanziale da qualunque altro approccio PRP o similare usato nella lotta alla calvizie (vedi Regene, Tubex, Harvest etc).

    Una seduta di hCRP è paragonabile a molteplici microprovette PRP HT o similari (da 20 a 36).

     
  • Posso fare bSBS insieme ad un autotrapianto?

    Tecnicamente si, ma dopo la sessione bSBS sui follicoli ricettivi alla terapia il tempo necessario per vedere il tipo di risultato ottenuto necessita di un periodo variabile tra i 5/8 mesi. Eseguito dopo una sessione chirurgica assicura il più alto attecchimento dei follicoli innestati, stimola la ricrescita dei follicoli ricettivi alla stimolazione e non atrofizzati, ispessisce globalmente il fusto dei capelli e dona un risultato estetico di massima densità, oltre ad altri benefici conseguenti al protocollo completo.

     
  • Perchè prima è consigliato bSBS e solo dopo un eventuale autotrapianto?

    Spesso il diradamento dei capelli non consiste nella morte del follicolo, la ghiandola pilifera continua a produrre il capello, solo che è più sottile e meno colorato, generando quindi l'impressione del diradamento. Molti dei nuovi follicoli prodotti non avendo più la forza di crescere rimangono al di sotto della cute. Follicoli danneggiati ma ancora vivi! Sebbene non è possibile stabilire attraverso una diagnosi quanti follicoli sono rigenerabili con la giusta stimolazione ed analisi è possibile favorire la massima rigenerazione e ricrescita sui follicoli ricettivi alla stimolazione.

     
  • Perchè bSBS va oltre l'autotrapianto?

    bSBS non sostituisce l'autotrapianto, la sua azione va oltre il risultato estetico. Sui follicoli ricettivi alla stimolazione è possibile favorire i corretti equilibri indispensabili per la funzionalità totale del follicolo, regolare la caduta eccessiva arginando il più possibile l'evoluzione della tua calvizie, promuovere l'ispessimento naturale del fusto dei capelli, favorire la tua massima rigenerazione follicolare sui follicoli danneggiati (non atrofizzati). Inoltre HairOzone incluso nella terapia favorisce un inibizione naturale della Prostaglandina D2 certificata da Scienziati internazionali come "la causa più importante delle forme più comuni di calvizie" tra cui l'alopecia. bSBS è l'unico trattamento medico coperto dalla Garanzia "Soddisfatti o Riaccreditati" (vedi: "Cosa prevede la garanzia bSBS?").

     
  • Quando è consigliabile l'autotrapianto?

    L'autotrapianto è un'ottima soluzione da adottare solo dopo aver affrontato il problema alla radice, scoperto la causa della tua eccessiva perdita di capelli e ristabilito i valori ottimali per il buon funzionamento del follicolo, dei tuoi ormoni e del tuo stile di vita.

     
  • bSBS sostituisce l'autotrapianto?

    La terapia non chirurgica bSBS non sostituisce l'autotrapianto, infatti non è un intervento di chirurgia estetica volto a coprire un disagio, ma è una terapia medica curativa e rigenerativa dall'azione bivalente. Prima di un eventuale sessione chirurgica sui follicoli ricettivi alla stimolazione ha un azione curativa e rigenerativa, può favorire la massima rigenerazione follicolare grazie alla stimolazione delle cellule staminali e della matrice extracellulare, risulta incisiva dopo una sessione chirurgica per assicurare il più possibile i follicoli nel tempo, le maggiori possibilità di attecchimento e la loro massima ricrescita.

     
  • Come avviene la rigenerazione follicolare?

    L'entità e la possibilità della rigenerazione follicolare è differente per ogni paziente, per tale ragione non è quantificabile in numeri e densità. La rigenerazione follicolare viene incentivata attraverso la stimolazione delle cellule staminali della papilla dermica del follicolo (sessione meso) associata alla terapia bActiveCell (attivatori nanosomici e stimolazione della matrice extracellulare) in abbinamento alla terapia nutraceutica (in seguito al test del DNA e Profilo Lipidomico) dosata e mirata al singolo caso.

     
  • Cosa prevede il vostro follow-up ad-personam?

    La calvizie si combatte in modo mirato al singolo caso e ogni paziente è seguito nel tempo attreverso periodiche visite di controllo e ancoraggi/richiami del Protocollo medico. Su richiesta di consiglio al chirurgo il paziente può utilizzare igenizzanti topici valutati da caso a caso, comprese terapie topiche o per via orale volte a migliorare l'insensibilità dei follicoli al DHT o ad altre problematiche specifiche del paziente. Le terapie topiche non sono incluse nel Protocollo medico mentre tutte le visite valutative e gli ancoraggi/richiami sono inclusi e non hanno alcun costo per il paziente.

     
  • E' possibile sapere prima quanti capelli ricresceranno? Cosa promettete al paziente?

    Nessun medico o istituto può conoscere l'entità della rigenerazione follicolare ottenibile da un paziente, e nessuna consultazione preliminare lo può indicare. L'abbinamento di strumenti innovativi, fattori di crescita piastrinici potenziati e attivatori nanosomici, fanno di bSBS il protocollo medico non chirurgico più evoluto e completo del settore. Per tale ragione HairClinic non promette al paziente numeri ipotetici di ricrescita, ma assicura la terapia sul riaccredito totale (no rimborso) a favore di un micro trapianto monobulbare con sistema automatizzato e controllato manualmente, di estrazione dei follicoli.

    La più importante associazione internazionale del settore ISHR ha recentemente pubblicato una statitica su circa 1600 pazienti tra uomini e donne sottoposti alla terapia base PRP HT: "Nella terapia dei capelli i fattori di crescita piastrinici possono regolare l'attività di vita dei bulbi e permettere una crescita migliore dei fusti dei capelli e una stimolazione da parte delle cellule staminali che ancora rimangono all'interno del cuoio capelluto, e quindi ottenere nell' 80% dei casi una ricrescita di capelli e di un aumento della densità. ...Il trattamento è indicato nel'AGA maschile dal I al V grado di Hamilton - Norwood. E' meno indicato nel VI grado per la importante riduzione della possibilità di stimolazione di nuovi capelli. Nella forma femminile il trattamento è indicato dal I al III grado della scala di Ludwig... Tanto più precoce è il trattamento tanto più è possibile stimolare una ricrescita. La significatività della risposta (intesa come aumento del numero di capelli rispetto a prima del trattamento) è stata nell' 80% dei casi trattati (indifferente tra uomini e donne). ...Nel 93% dei casi trattati si è ottenuto un effetto terapeutico con netta diminuzione della miniaturizzazione, diminuzione della caduta, riduzione del prurito o della tricodinia (lieve dolore allo spostamento dei capelli) quando presenti. ...Controllo nel tempo del risultato terapeutico, 312 soggetti hanno effettuato il trattamento con PRP da almeno 38 mesi. La ripresa della miniaturizzazione e della caduta dei capelli (ripresa dei sintomi dell'AGA) e' avvenuta nel 21% dei soggetti trattati dopo 14 mesi (media) dalla fine del trattamento. Il 68% dei rimanenti soggetti NON ha ancora manifestato i sintomi di ripresa dell'AGA." I dati riportati sono disponibili a tutti e si posso trovare sul sito ufficiale dell'associazione o dei medici iscritti.

     
  • Cosa prevede la garanzia bSBS?

    Qualora la rigenerazione follicolare non abbia portato una ricrescita significativa in termini di nuovi capelli in ricrescita, e quindi il paziente non sia soddisfatto, HairClinicriaccrediterà (non rimborso) al paziente l'intera somma pagata per eseguire un autotrapianto atFUE o aFUE (non automatizzato). Sessione da minimo 1500 follicoli a 4000 follicoli), pagando solo la differenza e senza trattenuta alcuna da parte di HairClinic .

     
  • Concludendo, se io fossi disposto immediatamente ad effettuare una sessione di autotrapianto
    con sistema automatizzato di estrazione follicolare atFUE, Robotico o aFUE manuale avanzato,
    mi consigliereste ugualmente di eseguire prima bSBS?

    Assolutamente Si! Anche se non è diagnosticabile nel paziente la portata della rigenerazione follicolare ottenibile e il numero di follicoli non atrofizzati rirettivi alla stimolazione, in prima analisi oggi si può percorrere una strada differente dalla chirurgia sfruttando gli ultimi ritrovati della Scienza e della Medicina Rigenerativa. Nei casi trattati internazionalmente con terapie a base di Growth Factors e che presentavano patologie come alopecia cicatriziale, androgenetica, areata, vellus, diradamento generale e localizzato, ha portato benefici tangibili a circa il 60/80% dei casi come pubblicato da statistiche di importanti associazioni del settore. Detto questo il nostro consiglio sarebbe sempre quello di percorrere la via della rigenerazione e della diagnosi persolizzata prima di qualsiasi sessione chirurgica (statisticamente la prima o la seconda di altre). Solo dopo aver individuato e curando al meglio il problema si può pensare, valutare e in sicurezza decidere se eseguire un unico e definitivo autotrapianto.

    Scopri le fasi del trattamento bSBS  

     
SOLUZIONI_bSBS_va_oltre_FOTO_1_16

Trapianto di capelli: l'importanza di ritrovare il proprio charme


I capelli (dal latino capillus) sono fin dall'antichità considerati come una forza vitale. Il simbolismo legato ai capelli è lungamente citato nella leggenda di Sansone, uno dei guerrieri della tradizionale setta degli Ebrei Nazareni. I lunghi capelli di Sansone erano considerati l'emblema della sua leggendaria forza fisica e della sua energia carismatica. Spostandoci nelle tradizioni di altri territori si scopre ben presto che sia nella tradizione greca che nelle tribù dei nativi americani i capelli erano considerati un mezzo spirituale e intimista (una tradizione greca consigliava di togliere una ciocca di capelli dal caro defunto affinchè la sua anima potesse liberarsi dal mondo terreno mentre una delle usanze dei nativi americani era quella di togliere una parte dello scalpo dal nemico in modo da strappargli - simbolicamente - il suo potere).

Avere dei capelli lunghi e fluenti è, oggi come allora, un punto importante per l'immagine della persona e per facilitare le relazioni interpersonali. Tante persone e molti noti personaggi televisivi hanno riacquistato fascino e apprezzamenti grazie alla revitalizzazione della propria capigliatura. La calvizie, infatti, è la principale responsabile di malumore o disagi sociali di relazione.

In HairClinic siamo in prima linea per aiutarti a contrastare l'alopecia androgenetica maschile e femminile suggerendoti una soluzione mirata grazie all'esclusivo Protocollo medico non chirurgico bSBS (Advanced Regenerative Medicine Protocol and Genomic Analysis) che attraverso la medicina rigenerativa agisce tramite la biostimolazione bulbare.

La soluzione proposta dal Gruppo Clinico è un'alternativa all'autotrapianto standard che è stato effettuato in molti studi d'Italia per tanti anni senza ottenere successi duraturi nel tempo. Una semplice cura non è sufficiente in quando non va a risolvere il problema, ma solo a posticiparlo nel tempo.

Con la terapia bSBS invece si può agire direttamente sui processi di rigenerazione dei capelli, senza utilizzare la chirurgia, andando a stimolare i bulbi attivi e ottenendo i massimi risultati sull'infoltimento e sullo spessore dei capelli. A differenza di quanto avviene con la cosmesi il Protocollo ha una certificazione e un valore riconosciuto a livello internazionale. Il problema delle calvizie viene così risolto in modo non invasivo tramite l'iniezione di cellule staminali cd34+ che vengono precedentemente estratte dal paziente steso. Non essendo dolorosa, la tecnica è adatta a entrambi i sessi ed è consigliata per un'ampia fascia di età.

Sia nell'uomo che nella donna la degenerazione dei follicoli piliferi è dovuta a molteplici cause differenti tra loro: avviene in modo naturale per invecchiamento, oppure per un problema legato alla scarsa nutrizione alla radice e al fusto del capello o per patologie specifiche legate al cuoio capelluto.

Il motto che ci caratterizza afferma questo: "Non esiste una sola calvizie, esiste la tua calvizie". Partendo dalla specifica calvizie lavoriamo in modo da offrirti le analisi genomiche di prima istanza e successivamente la tecnica rigenerativa o di microchirurgia ideale alle tue necessità.

Siamo presenti in tutta Italia. In particolare puoi richiedere informazioni per un trapianto di capelli a: Ferrara, Padova, Lucca, Modena, Napoli, Firenze, Genova, Lecce, Verona, Como, Prato, Palermo, Parma, Perugia, Pescara, Pisa, Cagliari, Bologna, Bergamo, Caserta, Catania, Rimini, Roma, Salerno, Sassari, Taranto, Torino, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Vicenza.

Scopri cos'è l'analisi genomica

Agisci subito. Per il tuo trapianto di capelli la soluzione è nella tua città!


Il trapianto di capelli è uno degli interventi di chirurgia estetica più frequenti da oltre quarant'anni. Grazie all'innovazione e agli studi effettuati da HairClinic possiamo garantirti un trapianto di capelli con risultati ottimali per contrastare in definitivamente il problema dell'alopecia.

L'alopecia può essere distinta in diverse in due macro categorie: le alopecie costituzionali e le alopecie acquisite. Nel primo caso si presentano spesso sintomi multipli che prevedono anche alterazioni cutanee o disfunzioni a carico del sistema nervoso. Invece le alopecie acquisite possono essere del gruppo "non cicatriziali", "cicatriziali temporanee" oppure "cicatriziali permanenti". Tuttavia, l'alopecia più frequente che colpisce 1 uomo su 2 dopo i 50 anni è l'alopecia androgenetica - molto diffusa anche nelle donne.

Se il problema del diradamento viene contrastato efficacemente dal momento in cui si manifesta, l'effetto della perdita di densità non determina necessariamente l'atrofia totale del follicolo (e quindi la fine del ciclo di vita del capello) e le possibilità di riavere la propria capigliatura sono altissime. Con un trattamento combinato non si mira semplicemente a rinfoltire le parti che hanno una poca densità di capelli, ma si combatte la patologia fino in fondo favorendo la rigenerazione dei follicoli piliferi. Non contrastiamo il problema a livello superficiale come potrebbe fare un trattamento cosmetico.

Affronta il problema. Agendo in tempi brevi sulle cellule dei capelli, con appositi protocolli medici rigenerativi, si può intervenire per migliorare lo spessore dei capelli e combattere l'alopecia. Trovare il centro più vicino a te è semplice. Operiamo in tutta Italia ed effettuiamo, in particolare, il trapianto di capelli in Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Umbria, Marche, Abruzzo, Molise, Basilicata, Campania, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Puglia, Sardegna, Sicilia.

HairClinic: soddisfatti o riaccreditati!

Contattaci per conoscere il centro più vicino a te.

SOLUZIONI_bSBS_va_oltre_FOTO_1_16